fbpx

Top cucina: Quali sono e come scegliere quello giusto.

Anche se i tempi sono cambiati da quando ci si limitava a definire solo il colore del laminato, ora la scelta del piano di lavoro comprende diverse tipologie. Può sembrare banale ma la scelta va fatta con le giuste valutazioni, essendo un elemento molto importante, nella configurazione della cucina. Quando si pensa a quale possa essere il miglior piano di lavoro, bisogna fare diverse considerazioni, non solo estetiche. Un buon progetto prevedere un piano che sia soprattutto resistente, pratico e funzionale. A questo punto la domanda sorge spontanea, quale materiale scegliere? In commercio ci sono diverse tipologie, tra i più utilizzati troviamo i laminati, quarzi, pietre naturali fino ad arrivare a quelli più avanzati. 

TOP IN LAMINATO: Il top in laminato offre sicuramente una vasta gamma di colori tra cui scegliere. E’ un materiale molto versatile, infatti la particolarità di questo piano è che non assorbe i liquidi, oltre che essere resistente ai graffi. Per non rovinarlo, si consiglia sempre di non appoggiare fonti di calore bollenti e non tenerlo eccessivamente in ambienti troppo umidi. Il rapporto qualità prezzo è molto buono, forse il più economico in commercio. 

TOP IN QUARZO: Il top in quarzo è il giusto compromesso tra estetica ed eleganza. Questo piano è composto dal 95% da quarzo, la restante parte da resina, per questo motivo è idrorepellente. E’ un prodotto molto pratico e facile da pulire, inoltre è resistente alle macchie e agli acidi. Personalmente utilizzo molto lo spessore da 2 cm, perchè mi da la possibilità di creare composizioni originali, grazie anche al fatto che ci sono svariate finiture in commercio. E’ un materiale estremamente versatile, si possono creare composizioni con lavelli sotto piano e filo top, arrivando a progettare cucine moderne e di design. 

TOP IN MARMO o GRANITO: Le caratteristiche estetiche di questi piani, li rendono ancora i più ricercati tra coloro che vogliono dare alla cucina un valore aggiunto. Anche se hanno un costo elevato, sono ancora molto richiesti soprattutto perchè il marmo è un materiale molto pregiato mentre il granito viene considerato come longevo e resistente. L’unico svantaggio è che essendo pietre naturali e quindi molto porose, assorbono facilmente le macchie di olio. Si consiglia pertanto un’accurata manutenzione e pulizia costante con prodotti specifici.

A questi si vanno ad aggiungere piani molto più “tecnici” come il Dekton, uno dei materiali più resistenti in commercio, composto da una miscela di materiali ceramici, quarzo e vetro. La scelta del piano di lavoro dipende da tanti fattori, soprattutto quello economico, ma qualunque piano si decida di acquistare, l’importante che sia ben contestualizzato nel progetto.

Prodotti consigliati e link utili

Hai bisogno di un consiglio? Contattami, insieme sceglieremo quello giusto.